Strada per un sogno ONLUS: il Forum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Strada per un sogno ONLUS: il Forum

...un angolo prezioso per incontrarci, per informarci, per parlare di Noi e dell'Avventura di diventare genitori con la fecondazione assistita...
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
*****************
Sostieni Strada per un sogno ONLUS sottoscrivendo la tessera associativa!! Trovi info su www.stradaperunsognonlus.it...
barcelonaivf.com https://www.institutmarques.it IMER www.centrofertilitaprocrea.it http://www.ginefiv.com/it?utm_source=ginefiv&utm_medium=redirect&utm_term=it&utm_content=idioma&utm_campaign=auto&fl=1
Prenota ora la tua copia e sostieni Strada per un sogno ONLUS
Ogni favola è un sogno

Naturalmente infertile

Il 26 maggio 2014 è uscito un libro che parla del nostro mondo..e del grande sogno di avere un figlio.Puoi prenotare la tua copia, con uno sconto promozionale e sostenere Strada per un sogno ONLUS.

Siti amici
www.ovodonazioni.it
eterologa.blogspot.it www.aied.it famigliearcobaleno Cittadinanza attiva ledifettose.it

http://www.gliipocriti.it/

http://www.cerchiespazi.eu/


Il blog di Nicoletta Sipos

 

 Pronti, partenza, via...

Andare in basso 
AutoreMessaggio
LaBianca
Piccola sognatrice cresce..
Piccola sognatrice cresce..
avatar

Messaggi : 236
Data d'iscrizione : 21.01.14
Età : 37

Pronti, partenza, via... Empty
210114
MessaggioPronti, partenza, via...

Ciao a tutte!
Sono nuova di questo gruppo e vorrei iniziare a farmi conoscere un pò da voi.
Ci tengo a farlo con uno scritto a cui tengo molto, è quello che ho condiviso con amiche speciali (anche loro conosciute su un forum, dev'essere il mio destino) per parlare loro del mio percorso.
Non è completo, perché mancano dei "pezzi" prima e dopo, poi vi prometto che lo completerò  Wink  ma ci tengo a postarlo così com'è
Ieri è stata una giornata piene di emozioni per me e mio marito, dire che ci siamo sentiti come sulle montagne russe è davvero poco.

La mattina è iniziata con l'ecografia di mio  marito: un "non significativo idrocele bilaterale" e la conferma che, a causa dell'operazione subita da piccolo per criptorchidismo (che viene fatta quando uno dei testicoli non scende in modo naturale), uno dei testicoli è più piccolo dell'altro.
Non ci sembra male, iniziamo ad ipotizzare che il problema potrebbe essere di tipo ormonale.
Chiaramente il tutto è arricchito da paroloni in medichese che non abbiamo capito Wink

Il pomeriggio avevo appuntamento con il ginecologo (esperto in endocrinologia e responsabile del centro fertilità di un ospedale qui vicino).
L'ansia era davvero tanta, avevo anche paura di arrivare con troppe aspettative e vederle deluse, un turbinio di emozioni che non so tuttora descrivere in modo razionale.
Guido io, ho bisogno di scaricare un pò l'agitazione e dover prestare attenzione a strade mai fatte mi obbliga a tenere il pensiero su altro.

Arriviamo nella via, ok, il numero è quello giusto... parcheggio proprio davanti libero, che fortuna!

Immaginatevi una villetta, cancello, porta aperta. Corridoio su cui si affacciano 2 porte sulla sinistra, una porta in fondo e alla destra si apre una piccola sala d'attesa.

Ci sediamo, senza sapere nemmeno noi come comportarci.
Un pò guardo il cellulare, un pò sbirciamo insieme delle riviste, qualche battuta, mani che si tengono.

Si sentono parlare delle persone in una delle stanza... sono due, un uomo e una donna. Anzi no, sono 3, c'è un altro uomo. E poi, dopo una decina di minuti arriva quel pianto da gattino che hanno i neonati e noi ci guardiamo con gli occhi lucidi.

Le 3 persone (più nano) si salutano, si affaccia alla porta della sala d'attesa il dottore e mi dice di entrare.
Ecco, io me lo immaginavo così, lo volevo proprio così... potrebbe essere il mio babbo, occhiali, un modo di fare pacato ma nello stesso tempo molto deciso.

Mi siedo, appoggiando sulla scrivania i due portalistini che raccontano tutta la mia anamnesi. Ci ho messo ora a prepararlo, quel faldone, ho ricostruito tutti gli ultimi 15 anni della mia vita e li ho rinchiusi lì.
(A questo punto trova la cartellina della coppia di prima dimenticata sulla scrivania e dice "Questo succede quando si ha un bimbo, vedrai che presto succederà anche a te" Occhi sbarrati, ma come, io non ho ancora detto nulla!).

Gli spiego come sono arrivata a lui, tenendo il foglio con le domande che mi sono portata di fronte a me.
Lui prende brevi appunti su una cartellina e controlla gli ultimi esami effettuati.
Gli dico che ho anche gli esami di mio marito, ma partiamo dai miei.
Mi dice che c'è questa lieve insulinoresistenza, che i miei valori - per avere l'ovaio policistico - sono molto buoni (anche quello del delta4: mi dice che se avessimo avuto analiso precedenti di quel valore avvrebbe potuto capire se la sua normalità è dovuta anche dall'assunzione dell'integratore che prendo da 3 mesi, comunque il valore è buono e questo è quello che conta) e si procede con la visita vera e propria.

Per la prima volta ho capito cosa mi stava succedendo. Mi ha spiegato ogni minimo passaggio, che il fatto che i miei valori di delta4(ormone androgeno più importante per la donna) siano nella norma è dovuto al fatto che le ovaie non sono entrambe policistiche; una è multifollicolare e l'altra policistica.
(In tutto questo mi dice che ho una colite da far paura, fa fatica a scansare l'intestino per vedere le ovaie... e ho detto tutto :/ I fantastici effetti collaterali dell'antibiotico!).
Mi controlla la tiroide (ok) e il seno (ok anche lui).
Intanto mi parla di stimolazioni (metformina per l'insulinoresistenza, più clomid per l'ovulazione) e di monitoraggi da fare da lui in ospedale.

E per la prima volta qualcuno mi toglie un peso enorme dalla spalle: scherzando mi dice che visitare una "magrolina"rende le cose più semplici quando si tratta di dover osservare in modo minuzioso quel che succede là dentro, che non devo preoccuparmi affatto del mio peso.
Non potete capire, mi ha anche fatta pesare e non ho sentito il peso di questa cosa... non ha fatto commenti negativi, nessun "eh, però questo peso è da rivedere se vuole rimanere incinta". Anzi, quando al suo indicare la bilancia mi è scappato un "oddio, devo salirci?", lui ha sorriso.

Torniamo a sederci e, come gli avevo anticipato all'inizio, gli porgo gli esami del marito.
E lui cambia espressione e mi dice "beh, no, qui allora cambia tutto".
Noi già l'avevamo capito che quei valori non andavano bene eh, per cui da un certo punto di vista ero "pronta".

Mi dice che tutto il discorso sulla stimolazione non vale più, che, con questi valori, l'unica strada percorribile è la PMA, nello specifico, l'ICSI.
Guardando l'eco fatta al mattino legge del criptorchidismo e mi dice che, per la sua esperienza, quella è la causa di questi valori.
Mi racconta che molti ragazzi arrivano da lui con assenza totale di spermatozoi proprio a causa di questa condizione, che noi comunque siamo "fortunati" perché di spermatozoi ce n'è.
Ci tiene a dirci di ripetere ancora due volte la  valutazione dello sperma ma, visti i valori, difficilmente crede si tratti di un problema di errata raccolta o di leggere infezioni. Comunque preme perché lui continui i suoi esami (ormonali e visite) per poi tornare a mostrargli gli esiti.

Si torna a noi... ICSI, dunque.
Mi dice di stare serena, che abbiamo tutto quello che ci serve, spermatozoi e ovetti da far crescere.
Mi spiega un pò come funziona la tecnica, dove la fanno.
Dice che a questo punto l'insulino resistenza non è più un problema (almeno per quanto riguardo lla mera regolazione delle mestruazioni), che devo tenere controllata l'alimentazione, che in gravidanza ("perché lei rimarrà incinta, questo le è chiaro, vero?" Smile) dovrò fare controlli in più e assumere dei farmaci.

Mi vede un pò scossa e si scusa per il suo essere "brusco" ma crede che non sia giusto, in questa situazione, proporci scenari che ci illuderebbero e basta.
Gli dico che la mia gine di prima mi aveva detto di continuare con l'integratore, aspettare, continuare ecc E lui mi dice chiaramente che è stanco dopo tanti anni di vedere coppie che si sentono in colpa perché provano ogni procedura possibile, pensando di essere loro gli "sbagliati" quando il problema è stato a monte il tipo di percorso proposto.

Lo vorrei abbracciare, fanciulle, non so come altro dirlo.
Il foglio con le domande è dimenticato, ha risposto ad ogni dubbio, perplessità in un'ora di visita come non era mai nemmeno lontanamente accaduto.

A questo punto mi dice che, visto che là sotto non si smuove nulla che sia nulla e l'utero si sta appiattendo, mi consiglia di assumere una pillola che normalmente viene data a chi è in menopausa. Si chiama NAEMIS, ed è un’associazione sequenziale ciclica di estrogeno e progestinico. In pratica non agisce come una pillola anticoncezionale, ma ripristina un andamento ormonale e la possibilità di avere le mestruazioni "ingannando" l'utero che così, quando sarà il momento dell'inseminazione, sarà morbido e "accogliente".

Gli chiedo se può entrare anche il marito e se può fargli un "riassunto" della visita e lui è ben lieto di averci entrambi e poter delineare insieme il nostro percorso.
Spiega bene anche a lui la questione dello spermiogramma (valori, criptorchidismo, importanza di rifare a distanza di qualche tempo altri 2 spermiogrammi...), di continuare con le indagini. Ci spiega che la maturazione degli spermatozoi è di circa 3 mesi per cui, se l'andrologo dovesse proporgli degli integratori o altro, di provare per 3 mesi e se la situazione non cambiasse di lasciar perdere.
Ci dice chiaramente che, visto che abbiamo quello che serve è inutile "sprecare" miei ovetti facendo procedure magari meno invasive ma anche meno risolutive, soprattutto nel nostro caso.

A questo punto, dopo più di un'ora, rimaniamo d'accordo che, appena avremo tutti gli esami del Vale (e un secondo spermiogramma) andrò da lui a portarglieli e decideremo insieme la strada da percorrere.
Ci facciamo gli auguri di buone feste e usciamo, commossi, affaticati, eppure risollevati.
Sentire che qualcuno "si prende cura" di te e non solo ti visita è stata una sensazione che ci accompagnerà per parecchio. Poi non so come andranno le cose, ma la visita di ieri rimarrà certamente nei nostri cuori.

Inutile dire che abbandono la ginecologa che mi ha seguita fino ad ora.
Di lei mi sono sempre fidata ma ora, alla luce di quello che è emerso, ha sottovalutato alcuni campanelli d'allarme non approfondendo mai la situazione.
Se non avessi forzato pesantemente la mano, mi avrebbe rivista a settembre prossimo, dopo l'ultima visita, senza esami né nulla.

Come dicevo, non so che strada prenderanno le cose, ma siamo convinti che sia lui la persona che vogliamo in questo nostro percorso.

Domani disdico la visita dall'endocrinologo che avevo comunque fissato per "sicurezza".
Perché sì, avevo letto in giro di questo ginecologo e sapevo che era il suo campo, ma volevo tenermi un'altra porta aperta Wink
Poi inizieremo a fissare il primo incontro al Centro di biogenesi. Non sapendo le tempistiche preferiamo fare così e poi, nel caso, disdire Wink"

Nel frattempo sono aumentate le informazioni in nostro possesso.
Il marito ha  fatto esami ormonali che non hanno fatto altro che confermare quello che il ginecologo ci aveva già detto: FSH alto (da uomo in andropausa) e LH idem, prolattina altissima, testosterone nei limiti ma comunque basso, TSH leggermente fuori dai range.
Il giorno 08 gennaio ha fatto una visita andrologica (terribile Evil or Very Mad Evil or Very Mad  con un medico pessimo che ha passato il tempo al cellulare, gli ha giusto guardato gli esami dicendo che la situazione è irrecuperabile... grazie  Evil or Very Mad Evil or Very Mad dalla visita è emerso un peggioramento delle situazione rispetto all'ecografia, un testicolo è atrofico e uno ipotrofico).

Io, su consiglio della mia dottoressa vista la familiarità ai problemi di tiroide, mi ha prescritto comunque nuovi esami per valutare anche gli anticorpi.

Ma, cosa più importante, il 04 febbraio avremo il primo appuntamento al Centro che abbiamo scelto (Clinica Zucchi).

Insomma, si scende in pista Smile

Non so, mi sembra ci siano altre 1000000 cose che vorrei dirvi... ma ho già scritto un papiro  Embarassed Embarassed Embarassed 
Pian pianino mi farò conoscere e imparerò a conoscere voi Embarassed Embarassed


Ultima modifica di ali1931 il Lun 03 Mar 2014, 19:06, modificato 2 volte
Torna in alto Andare in basso
Condividi questo articolo su: redditgoogle

Pronti, partenza, via... :: Commenti

Bibbi
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mar 21 Gen 2014, 10:51  Bibbi
Avete già percorso i primi passi essenziali cara...e avere un medico di cui ci si fida è importantissimo. Per me è stata l'arma vincente te lo assicuro.
Concordo sugli integratori, se non agiscono in tre mesi difficilmente miglioreranno le cose in modo risolutivo, noi abbiamo speso tanti soldi ma con nessun risultato.
Ti auguro il mio stesso finale...e se possiamo aiutarti in qualche modo considera che siamo qui.
avatar
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mar 21 Gen 2014, 10:56  LaBianca
Bibbi, siamo convinti anche noi che aver trovato questa persona di cui ci fidiamo è stato davvero una fortuna!

Ora sono solo un pò preoccupata per la tiroide e per gli esami genetici. Non mi aspettavo di affrontare quest'avventura con tanta determinazione... ma forse sbaglio a stupirmi, avrei dovuto saperlo che io e mio marito per mano avemmo affrontanto qualunque ostacolo Embarassed Embarassed 
Per i genetici sono un pò tesa perché non conosco l'anamnesi di parte della mia famiglia: sono figlia di una ragazza madre e quindi non abbiamo idea della situazione di salute del ramo paterno Rolling Eyes Rolling Eyes 

Grazie per l'accoglienza  Very Happy Very Happy 
barbamamma
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mar 21 Gen 2014, 14:02  barbamamma
è stato un piacere leggerti, e soprattutto leggere che esistono medici cosi, che ti accompagnano in questo percorso che si sarà duro, ma ti porterà al tuo sogno "perchè tu rimarrai incinta lo sai vero???"  Laughing 

in bocca al lupo,

e ben venuta tra noi !!!
avatar
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mar 21 Gen 2014, 14:22  LaBianca
Ciao Barbamamma (che bel nick Very Happy Very Happy ) e grazie per il benvenuto Very Happy 

In questo preciso momento sto finendo di preparare il fascicolo da portare al centro per il primo appuntamenti: io sono una persona molto metodica, sto organizzando delle cartelline con tutti gli esami fatti fino ad ora, anamnesi familiare, visite fatte e cure (pillola, antibiotico, integratori... tutto) presi fino ad ora.
Poi non può mancare il file "domande da fare" e ammetto che ogni giorno mi viene in mente qualcosa Embarassed Embarassed diciamo che preferisco essere il più pronta possibile, in modo da non dover poi uscire dal centro e pensare "doh, non gli ho chiesto questo, quello e quell'altro ancora affraid affraid 

Ah, crepi il lupo Wink Wink 
avatar
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mer 22 Gen 2014, 11:06  Mony75
Leggendo la tua storia direi che un primo, grande passo è già fatto...aver trovato un medico competente non è da poco...vedrai che piano piano il resto verrà da sé... In bocca al lupo per la visita del 4 e, qualsiasi dubbio, noi siamo qua  Pronti, partenza, via... 6142 
rochina
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mer 22 Gen 2014, 11:25  rochina
Che bello leggerti,sprizzi entusiasmo per l'imminente partenza.bravi!!!!!!!questo spirito mi piace,in bocca al lupo!!!
avatar
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Mer 22 Gen 2014, 11:33  LaBianca
Grazie a tutte per il benvenuto! Verissimo Rochina, in questo momento mi sento determinatissima e con tanta voglia di teletrasportarmi al 4 febbraio per poter dichiarare iniziato ufficialmente questo percorso!

avatar
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Lun 26 Mag 2014, 18:52  LaBianca
Ne è passato di tempo... e ne sono successe di cose!

Vi aggiorno velocemente...

Dopo il primo incontro di febbraio presso il centro, abbiamo fatto tutta la nostra bella dose di esami...
Mio marito aveva preso un antibiotico per un'infezione riscontrata a gennaio e ci viene detto, visto il bassissimo numero di spermatozoi, di crioconservare, aspettando però 3 mesi per via dell'antibiotico. Appuntamento il 16 aprile.

Nel frattempo, il 25 marzo prenotiamo il secondo colloquio, pieni di buone speranze... ma ci vengono semplicemente controllati gli esamie ci dicono che finché non abbiamo del congelato da parte non si prendono il rischio di farci partire con le stimolazioni.
Batosta, inutile fingere il contrario Sad


Aspettiamo trapidanti il 16 aprile, con terzo colloquio per definire il protocollo per il 22 aprile.
E arriva le vera doccia fredda: nessuno spermatozoo, solo pochi ma immobili dopo centrifugazione, non idonei per la crioconservazione.
La botta è forte, le lacrime sembrano essere finite... Me non siamo i tipi che si arrendono facilmente... Su le maniche e via andare. Mio marito si mette a dieta, inizia a prendere un integratore e fissiamo un nuovo appuntamento per spermiogramma e crioconservazione: 9 maggio.

La paura è tanta! Arriviamo al giorno della crio quasi facendo finta che sia un giorno normale... chiaramente è un venerdì e dobbiamo aspettare il lunedì per l'esito! Un weekend tutto per noi, fatto di coccole e tante chiacchiere.

Lunedì mattina mi arriva una mail da mio marito, oggetto della mail "CAPITAN FINDUS". E da lì passo una giornata con il sorriso stampato in faccia! Abbiamo la nostra paillette di spermini congelata!

L'appuntamento per il protocollo ci sembra tanto lontano, 9 giugno. Io però ho la testa dura e quasi ogni giorno chiamo il centro per sapere se si libera un posto. E arriviamo a martedì 20 maggio quando la segretaria mi dice "hanno appena disdetto un posto per domattina, vi va bene?". Beh, la risposta è ovvia Razz

Arriviamo, super tesi, la dottoressa ci guarda nuovamente tutti gli esami, inserisce nel profilo gli esami aggiornati e ci dice che ci avrebbe inseriti nella programmazione per fine luglio. Noi ci rimaniamo entrambi un pò male, ci guardiamo e le diciamo che va bene.
Lei però si stoppa e ci chiede un minuto perché deve confrontarsi con la collega; dopo un paio di minuti ritorna e ci dice che a giugno un'equipe di un centro russo verrà a studiare il protocollo che hanno proposto a noi (IVM maturazione degli ovociti in vitro), che stanno cercando di raggruppare un pò di coppie nella settimana in cui ci sarà l'equipe e che mancherebbe giusto una coppia per concludere il programma...
Beh, eccoci
Quindi cambia la prospettiva di tutto... da mercoledì scorso ho iniziato la pillola che prenderò fino al 1 giugno. Mi arriverà il ciclo tra il 4 e il 5 giugno, chiamerò il centro per un monitoraggio entro il 3 giorno e si partirà con i 3/4 giorni di stimolazione.
L'emozione, le paure, le aspettative, il desiderio sono ovviamente a 1000... da ieri sorridiamo come due ebeti, non possiamo credere che stia succedendo a noi.

Per il resto, per noi sarà la prima volta... per cui è tutto un mondo nuovo... monitoraggi, punture, ecc

E sapete cosa mi ha accompagnato in queste giornate?
Il libro NATURALMENTE INFERTILE, che avevo acquistato in prevendita direttamente sul sito dell'editore prima che uscisse e mi è arrivato pochi giorni fa. Un libro che mi ha spalancato il cuore... grazie, a tutte voi!
fiamma
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Lun 26 Mag 2014, 20:27  fiamma
cheers ottimo! Sei in pista! In becco alla cicogna!
pinkypinky
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio il Sab 31 Mag 2014, 09:24  pinkypinky
Ali, in becca alla cicogna!

Dacci tue notizie future!
Re: Pronti, partenza, via...
Messaggio   Contenuto sponsorizzato
 

Pronti, partenza, via...

Torna in alto 

Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
Strada per un sogno ONLUS: il Forum :: Spazio emozionale :: Sezione blog: storie-
Vai verso: